Searching...
mercoledì 15 giugno 2011

PUPA E LE FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE - Il primo impianto fotovoltaico


Direttamente dal comunicato stampa Pupa:
A partire febbraio del 2011 è attivo presso la nostra sede un impianto fotovoltaico industriale integrato, posto sul tetto dei nostri magazzini che produce 200kW di energia pari al 60% del fabbisogno energetico nei giorni infrasettimanali .

Nei giorni/periodi di chiusura aziendale (fine settimana per esempio e periodi di festività/ferie) l’energia prodotta totalmente non utilizzata viene immessa nella rete energetica nazionale.


Per meglio comprendere cosa significa produrre 200kW ecco alcuni dati:
- in una famiglia media italiana, composta da 4 persone, è installata una potenza di 3kW.
- i 200kW di energia prodotti solo dal nostro impianto fotovoltaico sarebbero in grado di soddisfare il fabbisogno energetico di 66,66666 famiglie italiane
- 200kW di energia prodotta = ZERO emissioni di CO2 (anidride carbonica)

Grazie ad un particolare sistema di progettazione, l’impianto verrà totalmente integrato nella copertura del tetto dell’azienda, minimizzando anche l’impatto visivo. Un investimento importante per il rispetto e la tutela dell’ambiente.


ALCUNI DATI TECNICI
I pannelli americani “First Solar” con film sottile in Te-cD (telloluro di cadmio) utilizzati non sono soggetti al posizionamento diretto verso sud, questo permette di realizzare un impianto totalmente integrato (non visibile ad occhio nudo) nella copertura del tetto minimizzando anche l’impatto a livello visivo. (L’impianto avrà un’estensione di 4.300 mq)
Potenza generata 197 kwp (pari a circa 200 kwh)
Alla fine della vita dei pannelli (dopo i 25 anni) la società “First Solar” ha in programma il ritiro dei pannelli per un corretto riciclo ecologico.

Credo fermamente nell'utilizzo delle energie rinnovabili, brava Pupa che contribuisce alla salvaguardia dell'ambiente!! :)
Condividi:

2 commenti:

  1. Bravissima Pupa!!
    Ora il prossimo passo potrebbe essere mettere un po' più di cose buone nei loro cosmetici sostituendo siliconi, parabeni e derivati petroliferi.
    So che il mio commento potrebbe risultare polemico, ma non è assolutamente questo il mio scopo, sono davvero felice di questo passo avanti! :)

    RispondiElimina
  2. Ciao Des! non trovo che il tuo commento sia polemico! io personalmente non bado molto all'inci, ma so che molte ragazze come te ci fanno attenzione; sono sicura che avere una marca italiana con prodotti il piú naturali possibile e che sia anche facilmente reperibile nelle profumerie non sarebbe male! :)

    RispondiElimina